Home / News / Termodinamica: in futuro non solo elettricità per affrontare il freddo
refrigenerazione magnetica

Termodinamica: in futuro non solo elettricità per affrontare il freddo

Termodinamica: in futuro non solo elettricità per affrontare il freddo

Più di 100 esperti da tutto il mondo del settori del raffreddamento e dell’efficienza energetica, sia in termini di progettazione che di politica dei sistemi, si sono riuniti questa settimana a Birmingha, per il primo congresso sul freddo pulito.  

Come riporta la rivista inglese RAC, Pawanexh Kohli, amministratore delegato presso il Centro nazionale per lo sviluppo della catena del freddo in India, è stato tra i principali relatori dell’evento e ha discusso la sfida della crescente domanda di raffreddamento, in particolare per le catene alimentari, dove si stimano ogni anno 200 milioni di tonnellate di prodotti persi .

Kohli ha affermato che nutrire il pianeta non è solo il business degli agricoltori. La logistica refrigerata è fondamentale per gestire le risorse alimentari, espandendo le frontiere del mercato e riducendo la perdita di cibo..

Allo stesso tempo ha sottolineato il bisogno di ridurre l’impatto della logistica a temepratura controllata sull‘ ambiente e ciò richiede una collaborazione internazionale. «Oggi abbiamo bisogno di innovazione, per sviluppare la catena del freddo sostenibile di domani» ha affermato.

Gli organizzatori vorrebbero che il congresso di questa settimana entrasse a far parte di una serie più ampia di eventi internazionali.

Alla chiusura del congresso, il professor Toby Peters dell’Università di Birmingham ha affermato che il raffreddamento presenta notevoli sfide alla decarbonizzazione in una serie di settori come l’approvvigionamento di cibo. Tuttavia ha avvertito che l’efficienza energetica da sola non sarebbe una soluzione sufficiente per affrontare le sfide globali relative all’impatto ambientale del raffreddamento.

Questo primo congresso è quindi rivolto a modifiche sistematiche per affrontare un aumento previsto della domanda globale di energia per il raffreddamento che potrebbe potenzialmente raddoppiare entro il 2050.

Secondo Peters si stima che i 9,5 miliardi di apparecchi di raffreddamento che dovrebbero essere in uso entro il 2050 potrebbero vedere la domanda di energia per il raffreddamento salire a 7.500 Terawatt Hours (TWh) dai 3.900 TWh registrati lo scorso anno, nonostante l’introduzione di  tecnologie di raffreddamento più efficienti.

Si è inoltre affermato che le  emissioni di carbonio sono una parte importante nella necessità di rivedere la catena del freddo nella sua interezza per prevenire la perdita di vite umane, così come la perdita di cibo e medicinali viziati nei climi più caldi.

«Se vogliamo garantire un raffreddamento sostenibile per tutti, dobbiamo smettere di pensare che l’elettricità verde e l’efficienza della tecnologia possano soddisfare da sole la domanda. Se pensiamo solo in termini di elettricità  e non di termodinamica, allora siamo seduti su una bomba a orologeria» ha concluso.

Fonte

Problemi con il tuo impianto frigo?

Riguardo a NI.MA. Cold

NI.MA. Cold
Frigorista specializzato nell'installazione, riparazione e manutenzione di impianti di refrigerazione e raffreddamento, dedicati al mantenimento di generi alimentari e non solo.

Guarda anche

sistema di raffreddamento free-cooling

Free Cooling: il sistema di raffreddamento a risparmio energetico

Free Cooling: il sistema di raffreddamento a risparmio energetico Uno dei problemi principali legati al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *