22 settembre 2018
Home / News / Refrigeranti naturali: una formazione “Made in Germany”
refrigeranti naturali

Refrigeranti naturali: una formazione “Made in Germany”

Refrigeranti naturali: una formazione “Made in Germany”

Protezione dello strato di ozono, riduzione dei gas serra e degli F-gas: le attuali condizioni di politica ambientale stanno portando ad un aumento della domanda di soluzioni rispettose del clima nel settore della refrigerazione. Per quanto riguarda i refrigeranti naturali, la pianificazione, l’installazione e il funzionamento di sistemi richiedono competenze legali specifiche e know-how tecnico per la sicurezza. Il dott. Ralf Catanescu, presidente del Federal College of Refrigeration and Air Conditioning Technology (BFS) di Maintal e il prof. Alexander Krimmel, direttore dell’Accademia europea (ESaK) di Maintal, spiegano come l’evoluzione della situazione del mercato stia influenzando l’affermarsi e il futuro sviluppo di corsi di formazione.

  • Secondo voi, vi è un bisogno maggiore di formazione quando si parla di refrigeranti naturali?
    • Krimmel (ESaK): Sicuramente! I recenti sviluppi in materia di politica ambientale
      Prof. Dr. Alexander Krimmel, direttore della European Academy (ESaK) in Maintal

      come il regolamento europeo sui gas fluorurati o l’emendamento di Kigali al protocollo di Montreal hanno dato il via a una vivace discussione sul mercato in merito all’uso di vari refrigeranti. Sebbene questo sviluppo fosse prevedibile da un po’ di tempo, prevale ancora un alto grado di incertezza. Riceviamo molte richieste in particolare da installatori e lavoratori per quanto riguarda la conversione dei sistemi di refrigerazione esistenti e la redditività futura dei nuovi sistemi che devono essere installati. Un altro segno del crescente interesse per i refrigeranti naturali sono gli argomenti stabiliti dalle aziende per gli incarichi di corsi e le tesi di laurea nel quadro di corsi di laurea in cooperazione, con uno su quattro (dal 20 al 25%) che ora riguarda i refrigeranti naturali.

    • Dr. Catanescu (BFS): In generale, vi è un grande interesse per questo argomento. Dopo tutto, il know-how corrispondente apparterrà alle competenze di base in futuro, data la crescente rilevanza pratica. Il mercato ha già per sua natura un livello fondamentale di informazione. In linea di principio, il programma di formazione che offriamo è talmente ampio che i nostri laureati hanno familiarità con tutte le alternative di refrigeranti, siano essi refrigeranti naturali, refrigeranti sintetici o miscele, e sono in grado di perseguire i rispettivi sviluppi nelle società di refrigerazione e condizionamento dell’aria. Nonostante questo, attualmente c’è ancora una forte domanda di seminari e corsi speciali.
  • Status quo – Che qualificazioni possono essere ottenute oggi sui refrigeranti naturali?
    • Krimmel (ESaK): L’Accademia europea (EsaK) di Maintal è l’unica università di educazione cooperativa specializzata nel campo della refrigerazione e della climatizzazione nei paesi di lingua tedesca. L’accademia, riconosciuta dallo Stato, offre due diplomi di primo livello accreditati a livello internazionale in “Ingegneria del freddo” e “Ingegneria del condizionamento dell’aria” nell’ambito di un programma cooperativo (doppio curriculum). Entrambi i corsi di 6 semestri hanno una struttura modulare in linea con gli standard attuali. La combinazione di teoria e pratica offre ai nostri laureati qualifiche eccezionali in modo che possano iniziare a lavorare immediatamente come lavoratori qualificati, indipendentemente dal fatto che le società che hanno collaborato siano attivamente coinvolte con refrigeranti naturali o meno. Al momento non esiste un modulo speciale per “Natural Refrigerants”. Tuttavia, dal 2014 offriamo un evento annuale di conferenze che analizza le sfide poste dai refrigeranti naturali e come gestirli in sicurezza. L’evento speciale – noto come “eurammon Day” – è uno dei punti salienti del semestre per molti studenti. I membri dell’iniziativa per i refrigeranti naturali eurammon forniscono al pubblico informazioni pratiche sull’attuale sviluppo tecnico di concetti, componenti e sistemi che funzionano con refrigeranti naturali. Inizialmente della durata di un solo giorno, l’evento è stato nel frattempo esteso a due giorni in vista della grande eco e della forte domanda.
    • Dr. Catanescu (BFS): La Federal College of Refrigeration and Air Conditioning
      Dr. Ralf Catanescu, direttore del Federal College of Refrigeration and Air Conditioning Technology (BFS) in Maintal

      Technology offre da oltre 50 anni una gamma completa di formazione iniziale e continua per lavoratori qualificati e un ampio programma di moduli e seminari per tenerli aggiornati con le ultime normative e ingegneria sviluppi. Tutti i corsi tengono in debita considerazione i refrigeranti naturali. Nel 1994, ad esempio, il nostro programma di seminari prevedeva già seminari su R290 (propano) nei sistemi di refrigerazione. Inoltre, al momento offriamo ulteriori seminari e corsi speciali, ad es. su CO2 e NH3.

  • In che modo le mutate condizioni regolamentari influenzano i corsi di formazione sia per i principianti che per i corsi avanzati e di perfezionamento – Dove ritenete che sia necessario agire?
    • Dr. Catanescu (BFS): Fondamentalmente, l’insegnamento di ogni tipo deve adattarsi costantemente alle ultime esigenze politiche e legislative e ai più recenti sviluppi tecnici. Tuttavia, i cambiamenti in atto con il regolamento sui gas fluorurati vanno ben oltre il consueto, generando ulteriore complessità in termini sia tecnici che legali. Qualcosa deve essere fatto ora. La struttura modulare dei nostri corsi ci consente di reagire rapidamente agli sviluppi corrispondenti con un processo rapido e diretto per adattare i contenuti dei nostri corsi alle mutate condizioni quadro e alla domanda crescente. Ciò assicura che i partecipanti al corso acquisiscano il nuovo know-how specialistico necessario per questo scopo specifico.
    • Prof. Krimmel (ESaK): I nuovi regolamenti e standard sono davvero una sfida per la nostra formazione e insegnamento. Si tratta  di aspetti chiave nella pianificazione e dimensionamento di nuovi sistemi e anche nella manutenzione e / o conversione di sistemi di refrigerazione esistenti. La familiarizzazione richiede tempo anche solo per la documentazione corretta. L’integrazione di questi nuovi contenuti nel programma esistente pone quindi un carico aggiuntivo sul tempo e sulle risorse umane. Ma non c’è alternativa. Una soluzione concepibile e appropriata sarebbe quella di introdurre un modulo separato sui refrigeranti naturali
  • Come si pone il sistema tedesco di formazione in paragone al panorama internazionale? 
    • Dr. Catanescu (BFS): Lo standard fondamentalmente elevato dei sistemi di formazione in Germania ci colloca in un’ottima posizione anche rispetto rispetto ad altri paesi. Ciò è rivelato anche dalla domanda dei paesi limitrofi per i nostri corsi di formazione. Inoltre, da diverso tempo offriamo diversi corsi ogni anno per il GIZ (Società tedesca per la cooperazione internazionale) il cui tema principale sono i refrigeranti naturali. I nostri seminari consentono ai partecipanti di rispondere alle nuove condizioni di politica ambientale nei loro paesi e di sviluppare soluzioni praticabili per il futuro – sebbene il calendario stabilito dalle autorità politiche per alcuni divieti di refrigerante sia estremamente stretto, per cui gli operatori devono fare talora grossi sforzi. Il grande interesse e la positiva eco internazionale dimostrano che la gamma che offriamo ha molto successo.
    • Prof. Krimmel (ESaK): Vari programmi internazionali, ad es. dall’ONU (UNEP, UNIDO), stanno attualmente cercando di promuovere gli standard di formazione tedeschi per l’ingegneria della refrigerazione e del condizionamento d’aria con corsi speciali al fine di stabilire le qualifiche e gli standard corrispondenti all’estero. Questo include anche paesi con mercati più grandi come la Cina e l’India. Per quanto riguarda l’Europa, la Commissione europea ha accertato deficit significativi per l’utilizzo e la manipolazione di refrigeranti naturali, sia in termini di attrezzature che di personale qualificato. In Germania, sono stati fatti sforzi specifici per correggere questi deficit, ad es. creando nuovi istituti e tenendo corsi speciali con sistemi corrispondenti. Molti giovani sono anche attratti dalle possibilità di acquisire esperienza all’estero, il che è possibile grazie all’approccio internazionale adottato dagli istituti. Su scala internazionale, ESaK collabora con tre partner ufficiali di cooperazione: l’Università norvegese di scienza e tecnologia a Trondheim, in Norvegia, la Purdue University di West Lafayette, USA, e la Universidade Federal a Florianopolis, in Brasile. Gli studenti ESaK hanno la possibilità di fare la loro tesi di laurea in una delle università partner. Questi periodi trascorsi all’estero possono beneficiare del sostegno finanziario della Fondazione BFS / ESaK e rappresentano un aspetto importante del trasferimento internazionale di know-how in cui sono coinvolti sia gli studenti che le aziende.

Fonte

Riguardo a NI.MA. Cold

NI.MA. Cold
Frigorista specializzato nell'installazione, riparazione e manutenzione di impianti di refrigerazione e raffreddamento, dedicati al mantenimento di generi alimentari e non solo.

Guarda anche

La scienza avverte: rischio di “condizione di serra”

La scienza avverte: rischio di “condizione di serra” Un gruppo internazionale di scienziati ha pubblicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *