Home / F-Gas / F-Gas: nuovo regolamento n. 517/2014
regolamento f-gas

F-Gas: nuovo regolamento n. 517/2014

F-Gas: nuovo regolamento n. 517/2014

Il nuovo Regolamento Europeo 517/2014 impone una drastica riduzione nell’emissione di gas a effetto serra, con un target di riduzione del 79% entro il 2030 (utilizzando come riferimento la media di emissioni nel periodo 2009-2012).

Per raggiungere questo ambizioso obiettivo sono state individuate diverse modalità d’intervento:

Immissione sul mercato

  • Il Regolamento Europeo impone una riduzione progressiva degli F-Gas (HFC), espressa in Ton di CO2 equivalente, immessi nel territorio dell’Unione Europea, come meglio illustrato nel grafico.

Restrizioni / divieti d’utilizzo sui nuovi impianti

  • Frigoriferi e surgelatori commerciali (ermetici) contenenti F-Gas con GWP > 2.500 → dal 1/1/2020, e con GWP > 150 → dal 1/1/2022.
  • Impianti fissi di refrigerazione contenenti F-Gas con GWP > 2.500 → dal 1/1/2020.
  • Impianti centralizzati per uso refrigerazione commerciale con capacità > 40kW, contenenti F-gas con GWP > 150 → dal 1/1/2022, ad eccezione dei gas utilizzati nel circuito primario di un sistema in cascata (per il quale è ammesso un GWP < 1.500).
  • Condizionatori portatili (ermetici) con GWP > 150 → dal 1/1/2020.
  • Condizionatori residenziali con carica gas < 3kg (mono, dual, trial) con GWP > 750 → dal 1/1/2025.

F-Gas: limitazioni d’utilizzo nella manutenzione di impianti esistenti

Dal 1/1/2020 sarà vietato l’utilizzo in manutenzione di gas con GWP > 2.500, nei sistemi con carica > 40 ton CO2 equivalente (circa 10,2 kg di HFC R-404A), con le seguenti eccezioni:

  • Impianti per uso militare;
  • Impianti per refrigerazione prodotti a temperature inferiori a -50°C (BBT);
  • Utilizzo di gas recuperato dagli impianti e correttamente rigenerato (il divieto di utilizzo anche di gas rigenerati avverrà a decorrere dal 1/1/2030.

F-gas: il controllo delle perdite richiesto dal nuovo regolamento

Il Regolamento F-Gas 517/2014 ha anche modificato le soglie di frequenza di controllo delle eventuali perdite dagli impianti di condizionamento e refrigerazione; oggi le soglie limite, e la relativa frequenza di controllo, è funzione della quantità di CO2 espressa in Ton equivalenti corrispondente al gas caricato nell’impianto (invece che quantità espresse in kg metrici, come prima previsto).

In altre parole le soglie limite di controllo e frequenza dipendono ora dal tipo di gas contenuto; a parità di quantità in kg, maggiore è il valore di GWP del gas maggiore è la frequenza di controllo delle perdite richiesta dal regolamento.

Fonte

Riguardo a NI.MA. Cold

NI.MA. Cold
Frigorista specializzato nell'installazione, riparazione e manutenzione di impianti di refrigerazione e raffreddamento, dedicati al mantenimento di generi alimentari e non solo.

Guarda anche

f-gas

Regolamento F-gas: Epta è pronta a vincere la sfida

Regolamento F-gas: Epta è pronta a vincere la sfida Ha preso il via il 1° …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *